Sezioni
Parrocchie news 189

"U Signuri di la campagna"

10 Settembre 2019
di Redazione
Condividi
"U Signuri di la campagna"

Festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso

Nella chiesa rurale S. Anastasia (Signore della campagna) in contrada S. Lucia, si svolge, dal 12 al 14 settembre, la festa in onore del SS. Crocifisso, con momenti di preghiera e di devozione insieme a momenti di fraternità, che riuniscono una significativa comunità di fedeli intorno ad una chiesa antica e periferica, ma fortemente legata alla tradizione di un territorio che proprio nelle campagne intorno alla città ha coltivato nei secoli la sua appartenenza religiosa.Il 12 settembre, alle 19,30 si celebra la Liturgia della Parola, guidata dal parroco di S. Giuseppe, a cui la chiesetta fa capo, padre Massimiliano Novembre. Venerdì 13 settembre, sempre alle 19,30, una Via Crucis si snoderà nello spazio intorno alla chiesa, e a seguire sarà rappresentata l'antica raccolta del grano, con un momento di animazione a cura del gruppo folkloristico "I Caterini di Rasicudia" di S. Caterina Villarmosa.
Infine, sabato 14 settembre, solennità dell'esaltazione della Santa Croce, alle 18,30 S. Messa, con la benedizione del pane e dei campi in ringraziamento per il raccolto, e a conclusione un momento festoso di fraternità con la premiazione della Sagra dei Fichidindia.
La chiesetta di contrada S. Lucia, ancorchè di proprietà privata (Ayala-Giordano), è sempre stata aperta alle celebrazioni, ed è un piccolo scrigno di arte e di devozione tra i più antichi di tutto il territorio diocesano. La sua costruzione risale infatti all'XI secolo, come è attestato dal piccolo campanile a vela, oggi sul lato della chiesa attuale di cui costituisce la sacrestia, con un altare e tre preziosi affreschi del Cristo pantocratore, di S. Anastasia e S. Lucia (restaurati e in parte ridipinti nel 1974 dal pittore catanese Cirinnà).
Sul sagrato della chiesetta medioevale è stata costruita la chiesa attuale, databile al XVIII secolo, a navata unica con due altari laterali e l'altare maggiore dedicato al SS. Crocifisso. Nel 1840 Michele Alesso, promotore del ripristino della processione del Giovedì Santo, ha realizzato il crocifisso che oggi campeggia a lato dell'altare, ceduto alla chiesetta dalla Congregazione dei Macellai, dopo la costruzione dell'attuale gruppo sacro ad opera dei Biangardi nel 1891. 
A sinistra dell’altare maggiore la cappella privata, decorata in stile liberty, delle famiglie Ayala e Giordano, con il sepolcro, scavato nella roccia, fatta realizzare dal cav. Vittorio Ayala nel 1890. Al centro del pavimento della cappella la lapide amovibile con lo stemma, per calare i defunti nel sepolcro sottostante. La cappella Ayala-Giordano è l'unica cappella funeraria esterna al cimitero.
(Foto di Giuseppe Castelli)
 

Condividi
Commenti
"U Signuri di la campagna"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.