Sezioni
Istituzioni, società e politica 64

Sviluppo sostenibile e "nuova economia"

04 Marzo 2019
di Redazione
Condividi
Sviluppo sostenibile e "nuova economia"

A Roma gli 8 principali festival italiani insieme per una “nuova economia”

Si sono riuniti, oggi, per la prima volta a Roma, presso la Sala del refettorio della Camera dei deputati, gli organizzatori degli otto più importanti festival italiani – Leonardo Becchetti (Festival nazionale dell’economia civile); Enrico Giovannini (Festival dello sviluppo sostenibile); Mauro Magatti (Festival della generatività); Anna Lisa Mandorino e Marco de Ponte (Festival della partecipazione); Emmanuele Massagli (Adapt International Conference); Ermete Realacci (Festival della soft economy); Alessandro Rosina (Mappa celeste. Forum per il futuro del Paese); Paolo Venturi (Le giornate di Bertinoro per l’economia civile) – impegnati a proporre un cambiamento radicale nel sistema Italia. Presenti anche Lorenzo Fioramonti (vice ministro al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca) e Rossella Muroni (deputata Leu e Commissione Ambiente).
L’incontro nasce dalla volontà di mettere in moto tutte le energie del Paese al fine di rendere la società al 100% “generativa” e di valorizzare il sistema socio-economico che esiste e produce senza sfruttamento.
“La nostra intenzione – ha dichiarato Enrico Giovannini – è quella di migliorare il dibattito democratico. Oggi vogliamo proporre un’economia sicuramente diversa da quella attuale che ha distrutto il pianeta e aumentato le disuguaglianze, poiché non etica e sostenibile”. “Abbiamo bisogno – ha continuato Giovannini – di cambiare il paradigma e il modello economico, rispettando l’ambiente ma anche dando risposte sociali. La decrescita felice non è la risposta giusta, ma lo è lo sviluppo sostenibile. Da qui dobbiamo partire per un mondo migliore da lasciare ai nostri ragazzi”.
Anche Leonardo Becchetti ha voluto sottolineare l’importanza dell’incontro odierno: “Il nostro Paese ha bisogno di una rivoluzione culturale, poiché rintanato sui temi della paura e dell’insicurezza. Esiste una logica che noi chiamiamo ‘1+1=3’. Quando si coopera e quando c’è inclusione, il risultato è sempre superiore e migliore rispetto a quanto si può fare da soli. Oggi, invece, stiamo vivendo in un mondo che segue la legge ‘1 contro 1 minore di 2’. Basti pensare che quando Trump ha iniziato la guerra dei dazi, l’aspettativa del Pil mondiale è diminuita”. “Il primo appuntamento – ha aggiunto Becchetti – ci porterà a Firenze, per il primo Festival nazionale dell’economia civile, dal 29 al 31 marzo. Lavoreremo insieme a tutti gli altri festival anche per aumentare la nostra presenza sulla rete e sui social, utilizzando un modo più umano e meno partigiano di confrontarsi. Un mondo dove prevalga il logos e non solo il pathos”.(Fonte: SIR Servizio Informazione Religiosa 4 marzo 2019)

Condividi
Commenti
Sviluppo sostenibile e "nuova economia"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.