Sezioni
Caritas e solidarietà 120

Ricordo, accoglienza e integrazione per i migranti

03 Ottobre 2020
di Redazione
Condividi
Ricordo, accoglienza e integrazione per i migranti

Iniziative dell’Ufficio Migrantes nel giorno della memoria di Lampedusa

Segni e simboli di un impegno che non si ferma di fronte alla tragedia dei migranti che muoiono in mare per fuggire dalle guerre e dalla fame e interrogano la nostra società sulla necessità di costruire un’umanità solidale in cui ogni essere umano possa vivere con dignità. 
La Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione è stata celebrata a Caltanissetta con una serie di attività promosse dall’Ufficio Diocesano Migrantes, diretto da Donatella D’Anna, dalla Caritas diretta da Giuseppe Paruzzo e dall’Associazione Figli in cielo guidata da Lucia Cosentino, che hanno ricevuto la collaborazione istituzionale dell’Amministrazione Comunale.
 
Il 3 ottobre, anniversario del naufragio di Lampedusa, in cui morirono 368 migranti, al Cimitero Angeli, dove sono sepolte in due sezioni diverse vittime senza nome di quella tragedia, sono stati ricordati i morti in mare con una visita dei promotori, insieme al Sindaco Roberto Gambino e all’Assessora alla Solidarietà Cettina Andaloro, ed un momento di preghiera interreligiosa alla quale hanno partecipato Padre Alfonso Cammarata ed esponenti della comunità islamica cittadina.
 
Per ricordare le vittime che hanno perso la vita in mare mentre cercavano di raggiungere la terra della speranza, sono stati collocati presso le lapidi dei piccoli vasi con fiori, segno della volontà di non dimenticare la tragedia dell’immigrazione, indicatore di un mondo ancora troppo pieno di disuguaglianze, in cui a milioni di esseri umani sono negati i diritti più elementari ad una vita dignitosa, libera dalla fame e dalle persecuzioni.
 
Nel pomeriggio di sabato 3 ottobre, presso la parrocchia S. Giuseppe, è stato presentato il Progetto Casa S. Giuseppe ed il nuovo Sportello dedicato ai migranti che viene attivato, a partire da lunedì, nel quartiere Provvidenza e che ospiterà un centro di ascolto, servizi di assistenza burocratica e legale, doposcuola per i piccoli studenti e corsi di alfabetizzazione per gli adulti.
 
L’Ufficio Diocesano Migrantes sta sviluppando da mesi un’intensa attività nei quartieri cittadini in direzione dell’accoglienza e dell’integrazione, trovando nei parroci disponibilità e collaborazione attiva, come nel Villaggio S. Barbara con don Marco Paternò, dove è nata Casa S. Barbara, che accoglie giovani e famiglie di migranti di diverse etnie e religioni, coinvolgendo famiglie nissene nell’accompagnamento solidale.
 
È nato in questi giorni il comitato che partecipa alla campagna nazionale #ioaccolgo, che vede insieme Migrantes, Caritas, Arci Caltanissetta, Legambiente, Asp “Circo Pace e Bene” di Milena, impegnati nella raccolta di firme per l’abolizione dei cosiddetti decreti sicurezza e dei relativi accordi con la Libia. Nel giorno di S. Michele sono state raccolte centinaia di firme, nel banchetto che ospitava come bandiera una coperta termica, che è stata consegnata al Sindaco Gambino per essere esposta a Palazzo del Carmine come segno dell’adesione del Comune alla campagna #ioaccolgo.
 
Accogliere, proteggere, promuovere: è possibile costruire su queste buone pratiche un mondo diverso, senza periferie, discriminazioni, marginalità, un mondo con tutti i colori della pace, a partire da noi, ogni giorno.

Condividi
Commenti
Ricordo, accoglienza e integrazione per i migranti
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.