Sezioni
News e Comunicati 497

La Festa di S. Chiara a Caltanissetta

29 Luglio 2019
di Redazione
Condividi
La Festa di S. Chiara a Caltanissetta

Intenso programma delle Clarisse che invitano la città

Per solennizzare la festa di S. Chiara la Comunità delle Sorelle Povere del Monastero nisseno (viale Luigi Monaco, 54) propongono un programma di celebrazioni, dal 2 all’11 agosto, aperte alla partecipazione di tutti i fedeli.L’accoglienza spirituale e la contemplazione sono l’elemento distintivo di questa iniziativa, come affermano le Clarisse in un loro messaggio:
Chiara, come altera Maria, abitata dallo Spirito del Signore e dalla sua Santa operazione, ha saputo aprire il cuore all’accoglienza incondizionata, facendosi madre e sorella di ogni uomo e in ogni tempo, di ogni cultura, popolo e nazione. Oggi il nostro mondo ha bisogno di riscoprire la gioia della “maternità”… la gioia di sapersi donare, di saper attendere, nutrire, custodire e accogliere sempre, incondizionatamente e silenziosamente… in una sola parola: la gioia di saper Amare! L’intercessione di S. Chiara ci aiuti a essere portatori di quell’Amore che, discendendo da Dio, è sempre Creativo, capace di riscaldare e rinnovare in un modo nuovo e inaspettato ogni umana realtà”.
Il 2 agosto alle 18,30 inizierà la Novena con la celebrazione del Perdono di Assisi, alle 19,00 i Vespri. Il 7 agosto (18,30) l’Inno Akathistos a S. Chiara e dall’8 al 10 agosto il Triduo presieduto da Padre Massimiliano Novembre con Vespri e S. Messa alle 18,30.
L’11 agosto, giornata di S. Chiara, celebrazione solenne alle 10 con la benedizione di tutte le donne di nome Chiara e la distribuzione del pane benedetto. Nel pomeriggio, alle 18,30, celebrazione del transito di S. Chiara, venerazione della reliquia della Santa e benedizione di tutti i bambini.
Akathistos è il più celebre inno mariano della Chiesa antica (secolo V), articolato in 24 strofe (quante sono le lettere dell’alfabeto greco con le quali ogni strofa comincia), modello di molte composizioni. "A-kathistos" in greco significa "non-seduti", perché si canta "stando in piedi", come si ascolta il Vangelo. Canta il mistero della Vergine Maria, quasi un commento, poetico e liturgico, del dogma della divina maternità, proclamato nel Concilio di Efeso nel 431. L’inno, di autore anonimo, nel 1988 è stato riscoperto per iniziativa di S. Giovanni Paolo II che ha invitato i Vescovi, le comunità religiose e le parrocchie e riportarlo in valore nelle celebrazioni.
 L’Akathistos è l’u­nico inno che proponga in forma o­rante quanto la Chiesa delle origini, an­cor tutta unita prima dello Scisma, ha creduto ed espresso di Ma­ria nei pronunciamenti ufficiali della sua fede.
La Madre è cantata come identificazione della Chiesa, quale "Sposa" senza sposo terreno, Sposa vergine dell'Agnello, di cui S. Chiara ha dato testimonianza nella sua vicenda storica di prima donna fondatrice di un Ordine religioso di radicale povertà evangelica, nel XIII secolo.
Il Monastero delle Sorelle Povere di S. Chiara rappresenta per i nisseni un’oasi di pace e di contemplazione, ossigeno spirituale per l’anima e occasione di meditazione e di ricerca interiore. Molto partecipate le celebrazioni eucaristiche nella piccola chiesa del Monastero, sempre aperte a tutti i fedeli.
S. Chiara nel 1958 è stata proclamata da Pio XII patrona della televisione e delle telecomunicazioni: in questo nostro tempo in cui la comunicazione pubblica è spesso inquinata da aggressività e volgarità, la sua figura rappresenta l’icona controcorrente di una comunicazione profonda, autentica, non esibita né spettacolarizzata, che permette di superare i limiti della condizione materiale con una sintonia spirituale profonda, che unisce ed eleva i cuori di coloro che sono disponibili a sperimentarla.

 

Condividi
Commenti
La Festa di S. Chiara a Caltanissetta
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.