Sezioni
Parrocchie news 254

Il Presepe nel cuore dell'Amazzonia

22 Dicembre 2019
di Redazione
Condividi
Il Presepe nel cuore dell'Amazzonia

Presepe monumentale nella Cattedrale di Caltanissetta

Cento metri quadrati di foresta amazzonica, riprodotti nel grande presepe della Cattedrale di Caltanissetta: Salviamo l’Amazzonia! Il grido di Papa Francesco, rilanciato dal Sinodo di ottobre, è il tema del presepe che, ideato dal parroco Mons. Gaetano Canalella, ha costruito su due piani comunicanti il racconto della nascita di Gesù, nella dimensione storica e nella dimensione attuale, dall’antica Palestina al Brasile amazzonico.Sullo sfondo il presepe tradizionale, ad avvolgere l’altare del transetto sinistro della Cattedrale, con la grotta della Natività dentro il tabernacolo settecentesco e un’intera parete su cui si sviluppa un villaggio della Palestina di duemila anni fa con statuette di terracotta di pregevole fattura, messe a disposizione da un collezionista nisseno che lo ha allestito con pazienza per giorni interi.
Una lastra trasparente lo protegge su tutta l’ampiezza e lo separa impercettibilmente, a riprodurre la distanza comunicante tra la tradizione e l’attualità, dalla ricostruzione della foresta amazzonica che ospita una grotta etnica, con personaggi modellati sulle icone precolombiane, costruiti appositamente in Brasile, a Porto Vehlo, in Rondonia, dove opera da anni un avamposto nisseno di solidarietà con Casa Rosetta. Nel Mato Grosso, a Coxim è Vescovo Mons. Antonino Migliore, proveniente dalla nostra Diocesi e in diverse regioni del Brasile operano cinque case della Congregazione delle Suore Francescane del Signore, fondata a Caltanissetta dal Venerabile Padre Angelico Lipani. 
La foresta amazzonica del presepe si affaccia sul transetto fino quasi al presbiterio, con una ricchezza lussureggiante di autentiche piante tropicali, reperite con accurate ricerche e prestiti preziosi, con animali impagliati provenienti da quell’habitat autentico: pappagalli, tucani, uccelli del paradiso, piranha, un armadillo e un acquario con i pesci tropicali che nuotano nella luce lattea con un piccolo presepe sommerso, a ricordare come anche sul fondo del mare non siamo perduti per sempre.
Tutto intorno un fondale policromo dipinto dagli studenti del Liceo Artistico “Rosario Assunto” e al centro due mani bianche in preghiera nel cuore di quella foresta, da cui dipende il respiro e la salute dell’intero pianeta, la testimonianza di impegno della Chiesa e la cura della “casa comune” sulla quale tanta parte del magistero di Papa Francesco insiste e argomenta.
Il tema della custodia responsabile del pianeta e delle sue risorse è oggi la grande questione che lega i problemi dello sviluppo e quelli della pace tra i popoli, orizzonte di senso della contemporaneità, rispetto al quale l’Incarnazione divina e la speranza di salvezza dell’umanità rivivono nel presepe con la forza dirompente dell’attualità, come i rami bruciati accatastati in un angolo, a ricordare gli incendi che hanno devastato l’equilibrio dell’ecosistema per aprire la strada alla speculazione che aggredisce le risorse comuni in nome del profitto delle multinazionali.
Un presepe impegnativo e suggestivo, quello della Cattedrale nissena, che incrocia il magistero della Chiesa anche con i pensieri attivi di un grande movimento giovanile che in questi mesi sta crescendo sui temi della difesa del pianeta, del clima e degli equilibri ecologici. Forse una nuova “incarnazione” della politica in una dimensione di valori ritrovati.
Il presepe racconta il mistero della presenza di Dio nella storia, venuto al mondo dalla parte degli ultimi: nella storia dei nostri giorni la periferia martoriata del pianeta è l’Amazzonia, terra di genocidio dei nativi e di devastazione dell’ambiente. In ogni epoca c’è un Erode al potere.
 
(Foto di Michele Pecoraro)
 

Condividi
Commenti
Il Presepe nel cuore dell'Amazzonia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.