Sezioni
News e Comunicati 182

"Il giornalista oggi è pescatore di uomini"

26 Gennaio 2020
di Redazione
Condividi
"Il giornalista oggi è pescatore di uomini"

Messa per i giornalisti nel ricordo di S. Francesco di Sales

"Chi è il giornalista oggi se non un pescatore di uomini?" questo il filo conduttore dell'omelia di Mons. Giuseppe La Placa alla Messa celebrata per i giornalisti e le loro famiglie nella Cappella Maggiore del Seminario nella ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e dei comunicatori."Tutti, come pescatori di uomini, siamo chiamati a dare vita agli altri. e questo è possibile in tanti modi: attraverso un incontro, attraverso una relazione vissuta con sincerità, con lealtà, nella luce del rispetto della dignità dell’altro. Dare vita è possibile portando la speranza, in chi magari non vede la luce in fondo al tunnel della propria vita
Si può dare vita e speranza a una generazione futura sapendo costruire un’identità del popolo, di una società pronta a capire le proprie radici, quelle radici che vanno lette anche sapendo fare emergere le notizie buone, belle, vere, e trasmettendole per fare emergere un popolo e un’identità fondata sulle relazioni, sul bene che c’è e che deve essere reso leggibile e tramandato.
E anche quando siamo costretti a dare notizie brutte, in cui emerge il male, lo dobbiamo fare sempre in una prospettiva di redenzione, quella prospettiva per cui anche dal male noi siamo capaci di trarre il bene.
Chi deve fare emergere il bene di una realtà se non chi è chiamato a raccontarla e a saperla raccontare nel modo giusto, per poterla trasmettere agli altri? questa è la mission dei giornalisti.
Tutta la tradizione ebraica si fonda su questo imperativo: ricorda! è il ricordo che ha alimentato l’identità del popolo di Israele. Il ricordo di quello che il Signore ha fatto nei confronti dell’uomo per farlo uscire dalla schiavitù dell’Egitto.
Il tema della Giornata delle Comunicazioni sociali il Papa lo prende da un versetto del libro di Esodo. Dove Dio dice a Mosè…e poi queste cose le racconterai ai tuoi figli, ai figli dei tuoi figli, per far vedere che il Signore vi è stato vicino, che il Signore ha salvato il suo popolo. E questo ricordo deve maturare l’identità del popolo, deve costruire la libertà del popolo",
Ma identità e libertà si possono mantenere semplicemente se c’è la memoria del passato, e noi dobbiamosaper  raccontare e trasmettere storie che stabiliscano relazioni, che, come ama dire il Papa, costruiscano ponti tra le persone" disinnescando i linguaggi dell'odio, le parole violente, le contrapposizioni sterili e divisive"
Il Vicario Generale, che è anche Direttore dell'Ufficio Stampa Diocesano, ha sottolineato il valore della scelta di celebrare S. Francesco di Sales coinvolgendo le famiglie dei giornalisti, per animare un clima di socialità positiva, gioiosa e impegnata a costruire il futuro, con la responsabilità di chi, raccontando la cronaca quotidiana, sa di costruire la memoria su cui si fonda l'identità di una comunità consapevole e capace di fare vivere la speranza nella storia.
 
(Foto di Pier Paolo Olivo)

Condividi
Commenti
"Il giornalista oggi è pescatore di uomini"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.