Sezioni
News e Comunicati 179

"Ha costruito un pezzo della storia della nostra diocesi"

30 Giugno 2020
di Redazione
Condividi
"Ha costruito un pezzo della storia della nostra diocesi"

Piazza dedicata a Mons. Alfredo M. Garsia

"Ha costruito un pezzo della storia della nostra diocesi" A conclusione della Messa Crismale il 29 giugno, il Vescovo Mons. Mario Russotto con una folta delegazione di sacerdoti diocesani, si è recato in piazzetta Bloy dove, insieme al Sindaco di Caltanissetta Roberto Gambino, ha scoperto la targa che da oggi la intitola a Mons. Alfredo Maria Garsia, VII Vescovo di Caltanissetta per 29 anni, dal 1974 al 2003. 
Già nell’omelia della Messa Crismale il Vescovo Mario aveva sottolineato l’importanza dell’evento: “Concluderemo la nostra celebrazione andando ad inaugurare la piazzetta che è stata intitolata al venerabile mio predecessore Mons. Alfredo Maria Garsia, proprio al Ponte Bloy, dove lui ha accolto S. Giovanni Paolo II arrivato in elicottero quel 9 maggio del 1993 da Agrigento; ed è bello che anche la nostra città, a volte così distratta, abbia accolto questa richiesta ed abbia dedicato un luogo ad un Vescovo che per 29 anni si è speso per questa Chiesa.
Ora la sua memoria non solo è incisa nei nostri cuori, in questa santa Cattedrale, nel Seminario, in tutte le opere da lui portate avanti, ma anche in una piazzetta, perché chiunque passa e vede quella scritta dovrà chiedersi: “Ma chi era Mons. Alfredo Maria Garsia?” Lui ha costruito un pezzo importante della storia di questa Diocesi e noi siamo grati al Signore di potergli doverosamente dedicare quella piazzetta”.
Il secondo motivo dell’intitolazione dell’area Bloy a Mons. Garsia è legato al suo impegno nella Fondazione Migrantes della CEI, che ha diretto per diversi anni, dedicando la sua cura pastorale, oltre che a emigrati ed immigrati, anche ai circensi ed in generale alla mobilità umana (fieranti, naviganti, Rom e Sinti). L’area Bloy è infatti il luogo che accoglie tradizionalmente il Circo quando sosta nella nostra città.
Il Vescovo, nel suo ringraziamento sul luogo dell’intitolazione, ha ringraziato il Sindaco e padre Gaetano Canalella, che è stato il promotore dell’iniziativa. “È giusto ricordare – ha proseguito - quanto bene i pastori di questa Diocesi hanno fatto negli anni”.
Il Sindaco Roberto Gambino, che aveva lavorato nello staff di accoglienza alla visita di S. Giovanni Paolo II nel 1993, si è dichiarato particolarmente emozionato, ringraziando il Vescovo “per la grande presenza che ha sempre nel territorio, tutto il clero e questa grande intitolazione – ha aggiunto -  mi rende particolarmente orgoglioso”.
La nuova intitolazione era stata decisa dal Consiglio Comunale l’11 aprile 2019 (Sindaco Giovanni Ruvolo) e approvata dal Prefetto Cosima Di Stani con decreto del 19 agosto dello stesso anno.
A Mons. Garsia il Consiglio Comunale, su proposta del Sindaco Salvatore Messana, aveva conferito la Cittadinanza onoraria già nel 2003, come riconoscimento grato del suo lungo ministero alla guida della Diocesi nissena, di cui la vista di S. Giovanni Paolo II, tenacemente perseguita dal presule nisseno, era stata sicuramente il momento più alto.
 
 

Condividi
Commenti
"Ha costruito un pezzo della storia della nostra diocesi"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Copyright © 2018 Diocesi di Caltanissetta

Logo L'Aurora Web News
Registrazione del Tribunale di Caltanissetta n. 202 del 29-12-2006 - Redazione: Via Cairoli, 8 - 93100 CL - Direttore Responsabile: Giuseppe La Placa - Redattore: Fiorella Falci.